skip to Main Content
Risvolti Psicologici Della Selfie-mania

Risvolti psicologici della selfie-mania

Cosa ci porta a scattarci un selfie e soprattutto a postarlo? Quali sono le motivazioni che ci portano a condividerlo?

Gli studiosi si chiedono se la “selfie-mania” sia una moda passeggera o se nasconda una nuova modalità – sempre più stabile e strutturata – per soddisfare i propri bisogni psicologici. Una risposta a questo quesito possiamo trovarla nella ricerca condotta dal Professor Giuseppe Riva, docente di Psicologia e Nuove Tecnologie della Comunicazione dell’Università Cattolica di Milano.

La ricerca da lui condotta ha dimostrato che il 39% delle persone esaminate fa i selfie per “far ridere e divertire gli altri”, il 30% per vanità e eil 21% per raccontare un momento della propria vita.

Inoltre, emerge che i selfie non vengono fatti per esprimere aspetti interiori, ossia come le persone si sentono in quel momento, bensì per raccontare aspetti esteriori, come dove si trovano e cosa stanno facendo.

Inoltre, un altro aspetto rilevante della ricerca riguarda i tratti di personalità dei soggetti inclini a scattare molti selfie, che apparirebbero più estroversi, socievoli e caratterizzati da maggiori capacità sociali, ma anche più coscienziose, ovvero caute e capaci di controllarsi, tendenza che emerge nella minuziosità utilizzata nello scegliere la foto in cui si è venuti meglio prima di postarla.

Un’altra interessante ricerca è stata condotta dalla “Survey Online”, che ha somministrato un test self-report a un campione americano di uomini di età compresa tra i 18 e i 40 anni. Lo strumento in questione è il Dirty Dozen, composto da 12 items, che indagano il narcisismo e la psicopatia. Il disturbo narcisistico di personalità è caratterizzato dalla costante preoccupazione per sé stessi e di come si viene percepiti dagli altri. Il narcisista, infatti, ricerca la gratificazione personale attraverso l’ammirazione da parte degli altri, in questo caso cercando di ottenere più like e commenti possibile dai suoi amici, nel mondo virtuale come in quello reale.

I risultati evidenziano, infatti, una correlazione tra il narcisismo e la volontà di condividere un selfie attraverso i social network. Il narcisismo si manifesta, non tanto nella tendenza a scattarsi una foto, ma nell’impulso a condividerlo in rete.

In base ai risultati delle ricerche di cui abbiamo trattato in questo articolo emerge che il selfie denota un’esigenza di sentirsi accettati e approvati dagli altri, utilizzando il social network uno come spazio per la soddisfazione dei propri bisogni psicologici e per colmare una parte delle mancanze irrisolte nella vita reale.

Lascia un commento

Back To Top
×Close search
Cerca