skip to Main Content
La Realtà Virtuale In Sala Operatoria

La Realtà Virtuale in sala operatoria

“In sala operatoria come nella plancia di comando di un aereo”.
La realtà virtuale si è fatta largo anche nel settore della medicina, in particolar modo nell’ambito chirurgico, come strumento per la ricerca, la formazione e la cura dei pazienti. E’ ispirato al mondo dell’aeronautica e alle sue regole il Besta NeuroSim Center, attivato dall’Istituto Neurologico Besta di Milano e pensato per la formazione dei neurochirurghi attraverso simulatori computerizzati: 3 simulatori hi-tech più un visualizzatore che permette viaggi tridimensionali nei vari distretti del corpo umano.

Il Besta Neurosim Center è il primo centro di simulazione neurochirurgica d’Europa. Ogni passaggio è pianificato al millimetro grazie alla Realtà Virtuale, provato e riprovato al joystick prima di passare al corpo del paziente, in modo da poter garantire interventi di massima sicurezza con il minimo livello di rischio. Grazie alla Realtà Virtuale, i chirurghi non solo hanno la possibilità di analizzare il problema e pianificare con cura l’intervento prima dell’operazione ma addirittura simularla. Grazie a questa tecnologia è  infatti possibile selezionare l’intervento che si andrà a effettuare e e riprodurre, con degli strumenti molto simili a quelli reali, ciò che succede in sala operatoria. Inoltre, i simulatori computerizzati sono in grado di restituire al chirurgo la stessa risposta tattile che si avrebbe in un intervento vero.

Francesco Di Meco, a capo del Dipartimento di Neurochirurgia dell’Ospedale, ha sottolineato che i dati sull’uso dei simulatori in chirurgia dimostrano che un’ora di pratica ‘virtuale’ equivale a ben 100 ore in sala operatoria. La realtà virtuale diventa quindi un’opportunità formativa di grandissimo valore per il neurochirurgo e una garanzia per il paziente.

Il centro nasce soprattutto per rispondere alla necessità di aumentare la sicurezza degli interventi chirurgici e dall’esigenza dei chirurghi di esercitarsi, aggiornarsi e formarsi costantemente nel corso di tutta la loro attività professionale.  Gli esperti del Besta di Milano evidenziano infatti che “nel 2013, in Italia, oltre il 36% delle denunce contro medici ha riguardato l’ambito chirurgico”.         

In ambiti come questo risulta evidente che l’innovazione e il miglioramento tecnologico, portate avanti dalle giuste mani e con i giusti scopi, possano essere un’eccezionale risorsa per il futuro.

Lascia un commento

Back To Top
×Close search
Cerca