skip to Main Content
Identità Reale E Identità Virtuale: Antagoniste O Complementari?

Identità reale e identità virtuale: antagoniste o complementari?

L’identità virtuale è un aspetto importante della personalità e non va considerata in contrapposizione con l’identità reale. Lo stesso vale per la sessualità sperimentata sul web. Affermazioni simili possono risuonare insolite, poiché le parole ‘sesso’ e ‘sessualità’ fanno pensare all’unione di corpi fisicamente vicini, allo scambio di carezze, ai baci e ad altri comportamenti sessuali fra persone – e identità – cosiddette ‘‘reali’’. Ma l’introduzione di internet nella vita delle persone ha segnato una svolta nel processo di costruzione dell’identità e una ridefinizione del concetto di sessualità.

In che modo?

Attraverso le chat, i forum, i blog è possibile confrontarsi, informarsi, costruire relazioni intime con altri utenti, trovare il partner di una notte, esplorare aspetti della propria sessualità prima di allora sconosciuti, imparare nuove forme di seduzione e acquisire maggiore sicurezza e autostima.
In questo ambiente misterioso e affascinante è semplice staccare la spina dalla realtà e diventare ciò che non è possibile essere nella vita di tutti i giorni, cominciando con la scelta di un nickname. Questa identità non è meno autentica di quella reale, ma soltanto diversa, in quanto racchiude aspetti significativi di sé e della propria sessualità che, per ragioni culturali, etiche, religiose o caratteriali, sono ignorati o nascosti nella vita quotidiana e che possono essere espressi, di volta in volta, nelle diverse relazioni virtuali in cui ci si cimenta.
Così diventa possibile sperimentare strategie seduttive da applicare nei rapporti offline, costruire relazioni che nella quotidianità non intraprenderemmo, concedere al proprio orientamento sessuale latente quello spazio che non si ha il coraggio di mostrare alla luce del sole, o anche assumere in chat l’identità del sesso opposto per conoscerne meglio il ruolo (gender swapping).
Grazie ad internet, la propria sessualità può colorarsi di emozioni, sentimenti, preferenze che arricchiscono la consapevolezza di sé e definiscono un’immagine alternativa ma, allo stesso tempo, complementare della propria identità.
Un’identità “multipla” che non va considerata un fattore di rischio dell’instabilità psichica, ma una risorsa da apprendere e sfruttare, soprattutto in adolescenza, per conoscersi e crescere.

Angela Alampi

Mi chiamo Angela Alampi e sono Psicologa Clinica, Consulente Sessuale ed Esperta in Psicosessuologia.
Da sempre interessata al funzionamento neuro-psicologico umano nelle interazioni con il mondo circostante, ho deciso di unificare tale predisposizione ed il mio amore per lo studio diventando Psicologa clinica specializzata in Psicosessuologia.
Il mio modo di osservare e comprendere la realtà circostante ha trovato piena aderenza nei principi della Psicoterapia Strategica, un approccio che:
- pone al centro dell'attenzione l'individuo nelle sue costanti relazioni ed influenze reciproche con il mondo in cui è inserito,
- opera nell'ottica di un cambiamento positivo e adattivo che si mantenga nel tempo,
- utilizza la comunicazione verbale e non verbale come mezzo con cui entrare efficacemente in relazione con gli altri,
- attribuisce un ruolo principe alle emozioni nel percorso di cambiamento e assunzione di nuove lenti con cui osservare la realtà.
Inoltre, il ritenere le dinamiche relazionali, affettive e sessuali fondamentali ai fini della salute psicologica di ognuno di noi mi ha avvicinata alla branca della Sessuologia clinica e scientifica.

Lascia un commento

Back To Top
×Close search
Cerca