skip to Main Content
5 Strategie Per Chi Non Riesce A Smettere Di Pensare

5 strategie per chi non riesce a smettere di pensare

 

Ti ritieni un ruminatore mentale? La tua mente è costantemente invasa da pensieri che pesano su du te come un macigno? Ecco cosa puoi imparare per risolvere la questione.

1. Capire che è impossibile tacere la tua mente.

È umano avere pensieri. Significa avere un cervello sano e funzionante. Non abbiamo bisogno di liberarci dei nostri pensieri.

Il messaggio sottostante è semplice: nessuno ha una mente senza pensieri, a meno che non sia morto.

E’ importante osservare il modo in cui ci mettiamo in ascolto dei nostri pensieri, e qui passiamo al punto 2.

2. Non giudicarti.

Una mente tranquilla non è una mente senza pensieri. Piuttosto, è una decisione che fai per abbracciare ogni emozione e pensiero dentro di te.

Ecco l’ironia: quando abbracci tutti i tuoi pensieri senza giudizio, non importa quanto siano fastidiosi, la tua mente si calmerà.

Quindi non resistere ai tuoi pensieri. Se lo fai, ti proverai stress e ansia. Il pensiero è la funzione fondamentale della tua mente.

Se si tenta di combatterlo, ci si oppone a ciò che è inevitabile. Più combatti i tuoi pensieri, più li amplifichi. Essere non giudicante è la chiave della quiete. Inizia a osservare i tuoi pensieri, senza giudicarti. Elimina commenti e giudizi negativi: mettiti in pacifico ascolto.

3. Analisi separata dall’azione.

Quando analizzate i vostri pensieri, siete spesso proiettati nel passato o nel futuro. Questo vi porta via dalla bellezza del momento presente.

Rientra in contatto col momento che stai vivendo. Senti il sapore del cibo quando magni? Concentrati, gustane le sfumature.

Naturalmente, le sfide e le cose inaspettate accadono. Ma tratta i tuoi compiti e le tue sfide suddividendoli in segmenti, passo dopo passo: in questo modo il tuo pensiero rimane all’interno del presente, piuttosto che pensare in anticipo e vivere stress inutilmente.

4. Focus su ciò che stai facendo.

Difficile tenere alta la concentrazioni quando si fanno azioni abituali come usare il bagno, fare una doccia, mangiare e camminare.

Questo perché il tuo cervello automatizza questi compiti per risparmiare energia. Porta il focus al tuo vissuto emotivo, alle tue sensazioni: cosa provi? Dove sei in quel momento? Resta nell’attimo che stai vivendo.

Fortunatamente, è possibile utilizzare questi trucchi per aumentare la messa a fuoco e rimanere presenti:

  • Ricorda mentalmente la tua azione attuale.

Utilizzare il dialogo interno per dirigere il fuoco sul momento presente. Ad esempio, quando lavate le mani, ripetete nella tua testa, “sto lavando le mani. Sto lavando le mani. Sto lavando le mani. ”

  • Focus sui tuoi sensi.

Dirigi la tua attenzione sul tuo corpo. Ad esempio, quando fai la doccia, osserva come l’acqua scivola sulla superficie della pelle. Goditi il calore. Ascolta i suoni dell’acqua che scorre.

  • Fare le cose in modo diverso.

Rendi le cose più impegnative. Una tecnica classica che tutti i maestri Zen utilizzano è fare tutto in modo lento. Questo può sembrare facile, ma non lo è. Avrete difficoltà a fare le cose nel modo desiderato. 

5. Ritorna alla messa a fuoco ogni volta che ti allontani (dalla messa a fuoco).

All’inizio della tua pratica, il tuo focus potrebbe essere debole.

Ma non rinunciare. Porta la tua consapevolezza al tuo fuoco ogni volta che la tua mente viaggia lontano.

Il tuo focus diventa più forte ogni volta che torni al momento presente.

In questo senso, il rumore mentale è in realtà una buona cosa. È un’opportunità per farvi conoscere e rafforzare la vostra presenza.

Concludendo, imparare ad accettare con calma e serenità il nostro flusso di pensiero non è cosa semplice. Ma si può fare.

Cambiate il modo in cui vedete i pensieri e cambiate il modo in cui vi occupate di loro.

E presto, avrai la pace interiore che hai sempre sognato.

La ruota incessante dei tuoi pensieri ti generà eccessiva ansia e stress?
Rivolgiti ad uno dei nostri professionisti: Inizia ora.
Il percorso in chat è gratuito e riservato.

 

Articolo tratto da: tiny Buddha

Lascia un commento

Back To Top
×Close search
Cerca