skip to Main Content
Digital Transformation: La Realtà Aumentata Rivoluzionerà Le Nostre Occupazioni

Digital Transformation: la Realtà Aumentata rivoluzionerà le nostre occupazioni

La realtà aumentata è una delle nuove tecnologie protagoniste della digital transformation. Ma cosa intendiamo per digital transformation?

La Digital transformation (DT) è l’integrazione delle tecnologie digitali in tutte le aree del business. Sta rivoluzionando le basi delle modalità di interazione e valorizzazione rispetto ai clienti.

La DT mira a riscrivere i processi di business con l’aiuto di nuove tecnologie, come la realtà aumentata, sempre più progredite.

Alcuni esempi di core technologies che oggi sono alla base della DT: IoT (Internet of Things), AI (Artificial Intelligence), realtà aumentata e virtuale (AR/VR), automazione, uso del cloud computing etc.

Queste novità hanno lo scopo di favorire il cosiddetto smartworking, un moderno modello di lavoro che utilizza le nuove tecnologie e lo sviluppo di tecnologie esistenti per migliorare sia le prestazioni che la soddisfazione ottenute dal lavoro.

La DT è anche un cambiamento culturale che richiede alle organizzazioni di sfidare continuamente lo status quo, di sperimentare il nuovo e imparare dal fallimento.

Da che prospettiva prendiamo la questione? In questo articolo cerchiamo di capire il ruolo che le nuove tecnologie, e in particolare la realtà aumentata (AR), potrebbero avere in questo processo.

Come funziona la realtà aumentata (AR)…

Che cos’è la realtà aumentata (in inglese Augmented Reality, AR)? Consiste in una integrazione tra le informazioni digitali (contenuti e/o animazioni virtuali) e l’ambiente dell’utente in real time.

La AR, come la realtà virtuale, può essere fruita tramite visore o speciali occhiali (come Google Hololens). La peculiarità è che utilizza un ambiente già esistente e sovrappone nuove informazioni su di esso.

Ogni superficie può diventare potenzialmente il supporto per rappresentare le animazioni in AR. Come?

In pratica, la AR trasforma l’ambiente intorno a noi in una interfaccia digitale. Posiziona oggetti virtuali nel mondo reale.

Le app di realtà aumentata sono scritte con speciali programmi 3D. Queste permettono di “legare” una serie di animazioni fatte di informazione digitale a dei marker di realtà aumentata nel mondo reale.

Quando un’app di AR su un device o un plug-in di un certo browser riceve l’informazione digitale da un marker conosciuto, comincia a eseguirne il codice. Dopodichè dispone correttamente la o le immagini.

Esistono diverse tipologie di realtà aumentata, gli esperti ne isolano cinque:

AR basata sulla proiezione (AR projection-based)

Si proietta immagini digitali su oggetti fisici nello spazio fisico. In questo caso, quanto viene proiettato può essere interattivo (il sistema può proiettare una tastiera digitale sulla nostra scrivania) o non interattivo (il sistema proietta oggetti che possiamo posizionare e vedere in profondità – per esempio, potrebbe mostrarci se il nostro futuro frigorifero si adatterà a quello spazio che c’è vicino al forno proiettando il frigo davanti a noi);

AR basata sul riconoscimento (recognition-based AR)

Ogni volta che scansioni un codice QR o un’immagine “che prende vita”, stai utilizzando la AR basata sul riconoscimento. L’app AR rileva e riconosce un marker AR. Una volta riconosciuto il marcatore, lo sostituisce con l’oggetto digitale corrispondente. Un altro tipo di tecnologia AR basata sul riconoscimento è quella di traduzione real time. Ad esempio, sei in Thailandia e non capisci cosa c’è scritto sul menù perché in lingua locale? Punta lo smartphone e le app di AR faranno il resto!

AR basato sulla posizione (location-based AR)

Sfrutta le funzionalità di rilevamento della posizione dei dispositivi. Se sei un viaggiatore e vuoi scoprire nuovi fantastici luoghi, fa al tuo caso. Utilizzerà la tua posizione leggendo il GPS, la bussola e l’accelerometro del tuo dispositivo e ti mostrerà sullo schermo informazioni pertinenti rispetto a ciò che stai cercando.

AR che “delinea” (outlining AR)

In questo caso la definizione di AR è un po’ imprecisa. Usa il riconoscimento degli oggetti per funzionare (anche se potrebbe sembrare un po’ come l’AR basata sulla proiezione). Ad esempio, ogni volta che parcheggi la tua auto al buio, l’AR descrive i confini della strada e li delinea per te. Questo può essere usato anche per delineare edifici e pilastri di supporto.

AR basata sulla sovrapposizione (superimposition-based AR)

Grazie alla sovrapposizione utilizza il riconoscimento dell’oggetto per sostituirlo, completamente o in parte, con una vista aumentata. Ad esempio, se hai mai giocato a giochi FPS (first person shooter), sai che il tuo soldato può avere equipaggiamento militare avanzato con visuale a infrarossi, visione notturna ecc. – tutto questo è AR basata sulla sovrapposizione. Inoltre, in medicina, un medico può utilizzare questa tecnologia per sovrapporre una vista a raggi X dell’osso del braccio rotto di un paziente su un’immagine reale.

…e come si può utilizzare al lavoro

La AR può essere utilizzata per gestire le presentazioni aziendali. Potrebbe infatti scalzare i vecchi software di presentazione come Power Point, Prezi o PowToon per la trasmissione di dati e statistiche.

Realtà Aumentata

Courtesy photo of i2econsulting.com

Immaginate una riunione di team. Arriva il momento in cui Mr. Smith presenta i risultati della ricerca di mercato fatta sul vostro futuro prodotto di punta, tutti indossano i loro occhiali AR e, quasi magicamente, i grafici appaiono sul tavolo ovale, talmente ben strutturati che quasi parlano da soli!

Uscendo dal setting dell’ufficio, un terreno potenzialmente fertile per la AR è quello meccanico.

Capita spesso ai meccanici di uscire dall’officina per andare a soccorrere un’auto in panne a qualche chilometro di distanza.

Mentre controllano lo stato del motore, gli occhiali AR potrebbero fornire alcune ulteriori informazioni rilevanti e potenzialmente lifesaving (come il livello del carburante e dell’olio nel motore) così come informazioni generiche sull’auto che su cui stanno lavorando (anno di immatricolazione, difetti di struttura, incidenti precedenti, anno dell’ultima revisione etc.).

Un’altra applicazione della AR che sta prendendo piede nell’ultimo periodo riguarda il settore immobiliare. 

Sempre più professionisti, infatti, stanno adottando questa tecnologia per alleggerire le loro procedure.

Grazie alla AR possono infatti mostrare ai clienti case e abitazioni in anteprima direttamente dal loro studio.

La AR svela dati importanti (classe energetica, materiali, aspetti di domotica) e rende possibile la modifica strutturale degli ambienti virtuali in base all’esigenza del cliente.

In ultimo, la AR sta avendo un successo ragguardevole in ambito medico.

Come ricorda il Medical Futurist:

Medici e persino i pazienti sono consapevoli del fatto che quando si tratta di chirurgia, la precisione è di primaria importanza. Ora, la AR può aiutare i chirurghi a diventare più efficienti negli interventi chirurgici. Sia che stiano conducendo una procedura minimamente invasiva o localizzando un tumore nel fegato, le app di assistenza sanitaria AR possono aiutare a salvare vite umane e a curare i pazienti senza problemi“.

AR e nuove tecnologie ricreano i processi medici.

Inoltre, tempi e costi sono esponenzialmente ridotti con la AR: diminuisce la necessità di aggiungere note alle cartelle cliniche. Questo riduce l’assistenza sanitaria elettronica da tre a due ore al giorno.

Per concludere…

Assistiamo alla digital tranformation in molte forme e ambiti, ma siamo sicuri che sia solo la tecnologia quello di cui abbiamo bisogno perché la trasformazione digitale entri anche in casa nostra?

La tecnologia è solo il punto di partenza. Lo sforzo è quello di cambiare il nostro mindset e di riconoscere il valore intrinseco dell’unica tecnologia (per ora) che può apprendere con cognizione di causa ed essere il target di interventi di empowerment, cioè [spoiler alert!], noi stessi.

Siamo per natura restii al cambiamento e non particolarmente inclini a buttarci verso l’ignoto. Proprio per questo gli investimenti più consistenti che le aziende dovrebbero fare sono quelli che arricchiscono e aprono la mente dei collaboratori all’importanza del cambiamento non come la fine di un ordine precedente, ma come un nuovo inizio.

SITOGRAFIA

https://medium.com/iotforall/digital-transformation-is-more-than-just-the-technology-ccbd540c75e5

http://medicalfuturist.com/augmented-reality-in-healthcare-will-be-revolutionary/

http://engage.jabil.com/digital-transformation-trends-and-strategies-whitepaper?utm_source=iot-for-all&utm_medium=blog-repost&utm_campaign=digital-transformation&utm_content=preparing-workforce-for-digital-transformation

https://blog.schneider-electric.com/machine-and-process-management/2018/01/16/driving-digital-transformation-augmented-reality/

http://www.information-age.com/emerging-technologies-digital-transformation-123470407/

http://www.information-age.com/digital-transformation-vr-ar-will-revolutionise-office-123465183/

https://mill-all.com/blog/2017/09/28/augmented-reality-is-the-future-of-digital-transformation/

https://whatis.techtarget.com/definition/augmented-reality-AR

Lascia un commento

Back To Top
×Close search
Cerca